Gilbert Freeman

Competitore terminale Ex-Invictus

Description:
Bio:

Gilbert è un uomo competitivo all’estremo, un animale sociale “terminale” che vede nella vittoria a lungo termine su ogni avversario, reale o percepito, la sua ragione di esistenza. Questo atteggiamento lo ha portato a compiere scelte estreme, come ad ideare piani contorti e audaci, sostenendo che la vittoria è per gli audaci.
Sino ad ora, la sua intelligenza e preparazione sembrano avergli dato ragione.
Il motivo per cui ha abbracciato Zach, è stato di aprire la “Danse Macabre” ad un nuovo livello: non più lui in prima linea con i suoi ghoul e umani, ma un “figlio” che continuasse la sua sfida verso il mondo.
Zach lo convinceva perché aveva già affrontato molte sfide: un idealista votato ad una causa di nicchia ma con volontà e mezzi fisici per andare avanti.
Gli ha anche dato dei grattacapi, e questo gli è PIACIUTO.
Ha lasciato l’Invictus per volersi dimostrare anche superiore a loro: quella congrega non era più il sinonimo di eleganza e primato di potere: principalmente dopo il torpore di Moore.
Maurizio non era mai stato per lui qualcuno di “rispettabile”: forte, violento, terrificante; ma non rispettabile.
Moore al contrario era un leader carismatico che incantava amici e nemici con una notevole dose di fascino ed eleganza: un primato che non era affatto sminuito dal suo accettare di essere in “seconda posizione”.
Dentro di sè, Gilbert aveva capito che Maurizio non avrebbe mai permesso all’odiato “vice” di tornare attivo dopo il torpore.
Ha confidato a Zach che è stato quello, il motivo finale che lo ha convinto a lasciare la baracca, per quanto sfarzosa.
Inoltre il leader Carthiano sembrava quanto di più simile al suo vecchio eroe, sebbene una versione minore e molto più giovane di almeno un secolo.
Meglio che niente.

Gilbert Freeman

Liverpool by Night Uata gabriele_logozzo