Liverpool by Night

Family Affair

Setting: Rural Outskirt / Royal Liverpool Hospital / Bew & Elia's Haven

Erano passate alcune sere, e il “relativamente felice” trio era nel rifugio.
Non avevano avuto più problemi effimeri o rischi.
Le cacce non erano andate molto bene, e qualche passione di troppo aveva assottigliato enormemente le loro riserve di sangue.

Bew: da poco sveglia e già parecchio nervosa gironzola per casa in attesa che elia si svegli "ho fame… "piagnucola di quando in quando occhieggiando jonas con un certo languorino

Master Chu: Jonas approfitta che Elia non si è ancora svegliato per farle un silenzioso occhiolino.

Bew: fa schioccare la lingua contro il palato “piantala Jonsy, è solo fame, non c’è voglia di qualcosa di buono” sorridendo nervosa e tirata

Elia : anche il randagio si sveglia di cattivo umore nervoso da assettato grugnendo.“maledetta clima inglese di merda”scuote la testa brontolando alzandosi dal letto e andando direttamente da Bew.“andiamo a berci qualcosa magari questa notte andrà meglio”non degnando Jonas di considerazione come al solito,un’occhiata nervosa ma si placa appena nel carezzare il suo fido cane.

Bew: “tutti parlano bene delle pecore inglesi, molta lana, tanta carne, avranno anche sangue no?” cercando di stemperare l’umore del randagio “su jonas… in macchina, è ora di andare a fare un pic nic” sorridendo appena visibilmente mentre recupera la giacca ed esce dal rifugio diretta alla macchina

Elia : si prepara a uscire anche l’omone infilandosi il cappotto,uno sbuffare"fin’ora tutto questo sangue e pecorelle non si sono viste sembra un terreno fin troppo arido quest’Inghilterra"

Master Chu: Jason " Potrei andare a prendere io animali per voi. Almeno vi facilito la vita."

Bew: “potrebbe non essere una cattiva idea considerando lo stato di Elia” risponde al ghoul per poi guardare il randagio “come la vedi?” grattandosi distrattamente il collo

Elia : “non ne saresti in grado e poi da solo ci metteresti troppo per tutti e due manco fossi un ladro di bestiame”grugnendo scuote il capo"e poi io non ho bisogno di te per cacciare"borbotta asprigno carezzando il fido Perro,a seguire rivolgendosi a Bew.“andiamo al solito di queste notti e vediamo,però presto…spingi su quel cazzo di accelleratore”

Master Chu: Jason sorride e fa spallucce, preparando la macchina e lasciandovi soli.

Elia: p

Master Chu: rolling 7d10>8!

(
7

+
10

+
1

+
4

+
7

+
9

+
8

+
3

)

= 3 Successes

Bew: rolling 5d10>8!

(
8

+
7

+
5

+
1

+
8

)

= 2 Successes
rolling 4d10>8!

(
4

+
10

+
1

+
1

+
7

)

= 1 Successes

Master Chu: La fortuna questa volta è della vostra.
Dalla campagna vicina, un cavallo era scappato imbizzarrito ed è una preda eccellente.

Elia : non appena il randagio avvista il cavallo si lecca le labbra ferale"mio!vai perro ecco la colazione!"braccando il cavallo,se lo sbrana prosciugandolo mentre lascia al cane di nutrirsi della carne.

Master Chu: Per il cane è davvero “troppo” , avrebbe di che mangiare per una settimana almeno.

Bew: osserva la scena per qualche istante, quindi si gira dall’altro lato prendendo a dare piccoli calci ai sassolini che si trovano per terra canticchiando qualcosa nella sua lingua natia in attesa che Elia abbia finito
rolling 4d10>8!

(
1

+
8

+
1

+
1

)

= 1 Successes

Master Chu: rolling 8d10>8!

(
6

+
4

+
9

+
3

+
2

+
7

+
5

+
6

)

= 1 Successes

Elia : lascia che il mane si sfami,così come lui e staccandosi più controllato torna da Bew con uno sbuffo.“scusa se non ti ho lasciato nemmeno un goccio…avevo troppa sete,rimediamo subito altra pappa.”un fischio a richiamare il cane e ridarsi di nuovo a stanare una preda appetibile

Bew: un mugugno indistinto in risposta alle parole del randagio, evidentemente di pessimo umore continua a giocherellare con i sassolini sollevando di quando in quando lo sguardo sul randagio, uno sguardo non proprio pieno d’amore

Master Chu: rolling 4d10>8!

(
5

+
5

+
4

+
10

+
7

)

= 1 Successes
Elia si è messo in testa di fare un ottima caccia e di dare tutto il nutrimento alla sua amata.

Bew: rolling 4d10>8!

(
1

+
4

+
6

+
2

)

= 0 Successes

Master Chu: rolling 10d10>8!

(
3

+
7

+
1

+
4

+
8

+
2

+
3

+
5

+
7

+
9

)

= 2 Successes
Elia trova più di intralcio Bew, evidentemente spossata dalla sete.
Ma dopo due ore trovate quello che fa per lei. Avete trovato una tana di volpe. La preda è tutta sua.

Bew N.: rolling 4d10>8!

(
7

+
10

+
10

+
3

+
2

+
9

)

= 3 Successes

Master Chu: Bew cade in frenesia, e i suoi sensi bestiali hanno in mente una preda chiara. Jason è l’essere vivente più vicino, e lui non pare per niente allarmato.

Bew: una volta sazia si scolla dal corpo dell’umano “Cielo Jonsy, scusami!” esclama realmente contrita fissandolo con le mani giunte al petto “non avrei voluto, non avrei dovuto, mi dispiace immensamente! Perchè eri qui? non deve più succedere, non devi starmi così vicino …” osservandolo “stai bene? dimmi qualcosa!”

Master Chu: Elia era pronto a bloccarle e strapparla nel momento di pericolo reale per Jonas. Fortunatamente la sua salute eccellente regge tutto il residuo appetito
Jonas " Va tutto bene… hai preso esattamente la mia soglia di tolleranza… nessun problema. So che avresti avuto maggior danno se avessi preso un altro umano. " risponde. E’ pallido, ma si regge in piedi senza problemi, senza tremiti.

Elia : il randagio fa una smorfia storta osservando Bew e quando si stacca sazia da sola si ritrae.“se sei sazia…io proseguo con la mia caccia.”fa un fischio a perro e si inoltrano a trovare qualcos’altro di appetibile.

Master Chu: Elia a caccia, si imbatte guidato da Perro in qualcosa che lo stupisce. Sangue umano… c’è stato un incidente, e un cadavere fresco, di un tizio vestito come paracadutista che ha centrato un albero ed è rimasto li ucciso dal colpo.

Bew: annuisce al randagio e l’osserva per poi tornare a fissare jonas per qualche istante con una piega amara sulle labbra, infine da sola prende ad avviarsi verso la macchina a capo chino, con le mani ben infilate dentro le tasche della giacca

Elia : il randagio è di ritorno in strada da dietro dei cespugli,si pulisce il grugno ormai del tutto sazio"ora si ragiona"procedendo verso la macchina seguito da perro,apre lo sportello entrando.“ora che abbiamo fatto colazione alla inglese con tanto di te pomeridiano possiamo anche pensare a stomaco pieno a mr Fletcher.”

Bew: seduta in macchina in silenzio osserva con la coda dell’occhio il ritorno del randagio per poi annuire discretamente senza aggiungere nulla alle sue parole

Elia : “…tutto bene?”le chiede osservandola durante il viaggio in macchina.

Bew: annuisce nuovamente per poi rivolgersi a Jonas “troviamo un fioraio Jonsy, non sta bene presentarsi a mani vuote alle visite di cortesia” un sospiro prima di domandare al randagio “che intenzioni hai con mr fletcher?”

Elia : un mugugno mezzo annuendo.“staccargli la spina e dare pace anche all’anima sua,anche se forse non se lo merita e dovrà continuare a vivere nel dolore…ma anche questo potrebbe essere un problema,tu che dici?”

Bew: si controlla lo smalto delle unghie “non lo so” stringendosi nelle spalle “voglio prima vederlo e capire alcune cose, solo dopo saprò che fare” sollevando poi uno sguardo inquieto sul randagio fissandolo per qualche tempo con espressione rabbuiata

Elia : “mi sembra giusto,il peggio del resto ha già bruciato…vediamo che ne rimane del figlio”annuisce ancora l’omone con espressione seriosa,osservando fuori del finestrino e poi lei.“sicura che è tutto a posto?”

Bew: “esatto vediamo… non è escluso che lo si possa lasciare ad ammattire con calma” passandosi poi la lingua sulle labbra “no, non è tutto a posto… avrei potuto ucciderlo…” indicando con un cenno del mento il loro autista

Elia : “non l’avrei permesso”scuotendo il capo a muso storto.“per quanto devo ammettere fossi tentato”una frecciata di occhiata storta allo specchietto a Jonas"ma guardalo che sta benissimo,il ritratto della salute se l’è goduta pure lui non temere…“uno sbuffo”andiamo a vedere come sta mr Fletcher va."

Bew: “come no… proprio goduta, vedere una bestia che ti salta al collo e ti azzanna dev’essere davvero un’esperienza gradevole” scuote il capo restando quindi in silenzio fino all’arrivo in ospedale

Master Chu: Effettivamente, Jonas non sembrava scosso nonostante il morso bestiale inflittogli. Un comportamento insolito.

Elia : “quale terribile bestia dalla mole di una piuma gli è saltata al collo per sbranarlo,gli mancavi solo che gli facevi le fusa”sbuffando brontolone a guardare fuori dal finestrino,in attesa dell’arrivo in ospedale.

Master Chu: Raccolti i fiori, siete ora davanti l’ospedale. L’orario delle visite è terminato da un pezzo però.
Nulla vi proibisce però di chiedere informazioni all’accettazione.

Bew: non raccoglie le insinuazioni di Elia, semplicemente lo controlla per evitare che ci siano tracce del loro recente pasto, quindi gli chiede di fare lo stesso, mentre con una mano si rassetta i capelli e poi sospira “andiamo” avviandosi verso l’accettazione dell’ospedale alla ricerca d’informazioni

Elia : l’omone si ripulisce e in caso si cambia al volo in auto se troppo conciato,una pulita veloce e sistemandosi si appresta a seguire Bew nell’ospedale al suo fianco con mani in tasca.“come mai a Jonas gli girano particolarmente?”le chiede nel mentre

Bew: “gli girano? sarà perchè l’ho mezzo prosciugato, e ne avrebbe anche il diritto” risponde in un soffio prima di adocchiare il bancone dell’accettazione rivolgendo i propri passi verso quello

Elia : “non gli girano in quel senso in verità…sembra gli giri fin troppo bene”brontola andando con lei verso il bancone informazioni e restandole poco dietro.

Bew: “non capisco allora per quale altro motivo gli dovrebbero girare” inarcando pensierosa un sopracciglio e fissando l’uomo accanto a lei, prima di stamparsi in faccia il suo miglior sorriso rivolgendosi a chi presidia la postazione “Buonasera, sono consapevole che l’orario di visite è passato da un po’, ma noi abbiamo un volo a breve e abbiamo appreso solo ora che un nostro amico è incorso in un incidente sgradevole, e ci avrebbe fatto piacere poterlo salutare, anche solo per un istante, il tempo di lasciargli questi” sollevando i fiori e facendoli vedere al ragazzo mentre ancora gli sorride “sarebbe così gentile da farmi questa cortesia? la considererei una gentilezza personale”

Master Chu: Alla reception, un infermiere giovanissimo risponde alle vostre richieste.
Dopo un controllo nel database, annuisce gravemente.
" Sono stato avvisato, poveraccio… anche le due guardie sono ricoverate, in reparto psichiatrico. Qualcuno sospetta di loro due " dice con fare cospiratorio." è un chiacchierone della peggior specie.
" Ma adesso è stabile, almeno. E’ in coma però, il trauma cranico è stato molto forte. E’ un miracolo che sia vivo, lesioni su tutto il cranio. Volete lasciargli un messaggio? "

Elia : “se non lo sai tu perché gli girano…”restando poi silente in ascolto all’entrata in campo delle infermiere alle sue parole un mugugnare pensieroso tra se e se si gratta il grugno barbuto e per un attimo sembra sorridere sghembo,restando poco dietro loro in silenzio da esterno guardandosi un po’ intorno e restando a fissare specie Bew.

Bew: l’espressione del viso della giapponese si fa più grave man mano che lui parla, quindi sospira e scuote il capo “no ecco io, sa.. ci terrei proprio a vederlo, anche la sua stanza per sapere se e cosa potrebbe servirgli al suo risveglio, vorrei occuparmi di rendere la sua permanenza qui il più felice possibile, dovrà restarci per molto tempo immagino…” osservandolo ancora una volta “non potrebbe accompagnarci lei o farci accompagnare da qualcuno?” in tutto questo frangente solo una volta o due osserva Elia
rolling 6d10>8!

(
5

+
3

+
5

+
10

+
2

+
1

+
5

)

= 1 Successes

Master Chu: Al tuo appello accorato, pieno di (falso) affetto, il giovane infermiere cede.
" Vaa bene. Proprio perchè si vede che ci tenete… salite pure, avviso io con l’interfono. "
Con poche parole ben piazzate, avete libero accesso alla stanza di Mr Fletcher.

Elia : l’omone mani in tasca entra nella sala recupero di mr Fletcher e osserva le sue condizioni studiandolo,mentre borbotta a Bew in idioma giapponese.“in stato vegetale è quanto più gli ho promesso al padre,chissà se si riprenderà e come”

Master Chu: La stanza è spoglia, ma i macchinari ben tenuti. L’uomo ha la testa tutta fasciata e un busto ortopedico. E’ alimentato con flebo e cateteri.

Bew: squadra Elia per un attimo, quindi con amorevoli cure sistema i fiori in un vaso e si avvicina all’uomo nel letto osservandolo attentamente, solo dopo recupera la cartella medica e prende a leggerla con attenzione “a capire cosa c’è scritto sapremmo bene in che condizioni si trova” sospira e la rimette al suo posto rivolgendosi poi in giapponese all’mone " cosa vuoi fare?"

Elia : osservando il tipo a grugno inclinato lo scruta con attenzione e biascica in giapponese.“tesoro ci potresti fare un macabro dipinto e recapitarlo al padre per il gusto apprezzerà…sempre se lo raggiungerà o resterà così chissà per quanto.”uno sbuffo avvicinandosi a sua volta,sbirciando sulla cartella e poi scrollando le spalle"ci sono le sue due guardie uscite pazze…magari farci una visita,se loro sapranno qualcosa di più di utile…che dici?"

Bew: si schiarisce la voce “sì, andiamo, o meglio vai avanti tu, e se è il caso ti raggiungo, sospettano di loro, ma io ero in quella stanza quando loro sono entrati, non vorrei che vedermi li renda più lucidi o esagitati del caso” il tutto ovviamente in giapponese appena udibile, mormorato vicino al randagio a bassissima voce “andiamo…”
rolling 5d10>8!

(
3

+
4

+
7

+
10

+
9

+
9

)

= 3 Successes

Master Chu: Ripetendo magistralmente la trafila, Elia ha accesso alla stanza dove sono guardati da telecamere i due.
Sono in stato d’arresto e ci sono delle guardie fuori. Tra l’altro l’interno della stanza è monitorato dalle telecamere.
E’ un luogo dove è richiesta grande attenzione.

Elia : l’omone annuisce e quindi si mobilita,attendendo le informazioni da Bew e poi procede per la stanza;un basso profilo e spicciolo entrando dai due,studiando le loro condizioni e stato d’animo.“ragazzoni che avete combinato ma siete impazziti?!”comincerà a chiedere loro per iniziare a sondarli.

Master Chu: I due lo guardano come fosse uno scherzo di pessimo gusto.
" E lei chi è? Non c’entriamo niente, e lo ripetiamo! Era già cosi quando siamo arrivati, è stato il rumore a farci precipitare dentro…e …" si blocca il primo, il secondo è muto.
" Non riesce più nemmeno a parlare dopo quello che ha visto…"

Elia : si accomoda su una sedia delle visitel’omone dal grugno serioso.“potrei sporgere denuncia mr Fletcher era un mio amico ma penso questo sia l’ultima delle vostre preoccupazioni…”osserva il muto e poi parla all’altro"perchè che avreste visto sentiamo"

Master Chu: " Il tavolo…si è alzato e fracassato, dal soffitto al suolo! DA SOLO… non è possibile…ma l’abbiamo visto, in due!" .
L’altro uomo annuisce piano.
" La polizia non ha trovato alcuna impronta, non avevamo guanti nè niente. Creda quel che vuole, noi siamo innocenti."
Intanto Bew aveva ottenuto le informazioni da un dottore compiacente.
Il medico di guardia spiegò che era tristemente probabile un danno permanente, e che sarebbe servito non meno di un mese prima di poter valutare lo stato di salute. Sempre se le condizioni resteranno stabili, cosa da augurarsi.

Elia : a braccia conserte ascolta tenendo lo sguardo basso riflessivo.“dovete ammettere che suona assurdo da credere…se non c’è altro che possa scagionarvi è troppo surreale tutto questo.”scrollando le spalle scuote il capo"non avete altro da dichiarare?"

Master Chu: " Abbiamo detto quanto sappiamo… e ora per favore, ci lasci riposare…" gli chiede, ancora scosso. Il secondo si volta nel lettino, metendosi un cuscino sopra la testa.

Elia : l’omone mugugna e senza aggiungere altro si alza per lasciarli al riposo nella loro stanza,dirigendo schivo fuori dall’ospedale a raggiungere Bew per riferire di come è andata.

Master Chu: Mentre erano da soli in macchina, Bew e Jonas, lui prese a parlare.
Avrie potuto comprarvi delle pecore dalla fattoria, senza nessun problema. Non avreste rischiato nulla. Invece … da quando è arrivato nella tua vita, questo è quello che ci spetta. Imprevisto, terrore.
Della tua umanità, dei tuoi rimorsi e coscienza, lui non se ne fa nulla. Sicuro e forte del legame che ha su di te. Ho mancato di coraggio in passato… ora non sbaglierò più." e appena in tempo, si blocca perché vede Elia uscire.

Bew: la giapponese lo guarda perplessa e fa quasi per rispondere ma notando l’arrivo di Elia gli fa un cenno vago col capo quasi a dirgli che avrebbero continuato poi, e difatti alla prima occasione utile gli richiama alla mente le sue parole e poi aggiunge “non ho ben capito cosa tu volessi dire sai Jonsy?”

Master Chu: Mentre Elia era fuori a giocare col cane, Jonas le porge uno dei portatili.
Ha due account su una chat, e te ne porge uno.
" Ecco, cosi possiamo parlare senza che lui ci senta, in santa pace. Ho aspettato a lungo questo.
momento. Voglio solo una vita più facile…un poco più facile."

Bew: lei osserva il pc e poi lo respinge “non servono questi mezzi, lo sai, stiamo parlando, perchè dovremmo nasconderci? dimmi cosa ti turba invece” fissandolo con un sorriso accogliente

Master Chu: " Possiamo parlare senza che entri e mi ricopra di insulti? " dice sorpreso e ironico.
" Bew, io sono legato a te. Non a lui. E sono stanco… non ce la faccio proprio più. E’ un mostro che non ha cura delle tue esigenze, fa solo quello che vuole. Sei annebbiata dal legame di sangue verso di lui. E io posso solo aspettare… aspettare la fine.

Bew: inarca un sopracciglio perplessa ascoltandolo per poi annuire “Non è vero che non ha cura delle mie esigenze… e lo sai, vivi in casa con noi, come fai a dire che per lui ogni mio desiderio non sia un ordine da eseguire o un capriccio da accontentare?” quindi si ferma un attimo “non ti accadrà nulla, perchè dovrebbe? vuoi che gli parli?” sorridendo ancora

Master Chu: " Come l’altra sera , che ha preferito farti rischiare l’orrore di uccidere una persona, invece di farmi comprare degli animali per voi? Non sei lucida. Non puoi. Io lo so bene, perchè so cosa provate.. se gli parli, lui sarà tentato di uccidermi ancora di più. E tu starai peggio dopo. Io penso a questi tuoi rimorsi, lui no." sospira.

Bew: sempre più perplessa lo fissa “non è stata colpa sua la mia reazione, lui non poteva saperlo, non dipingerlo così mostruoso, sai quante cose ha fatto per me, ha ucciso per me, per salvarmi la vita, ha rischiato l’esilio, ha… JOnas… non ti riconosco più, cosa c’è davvero dietro le tue parole?”

Master Chu: Jonas :" Tu vedi solo metà di lui e ignori il male che ti fa. Io no. Mi tengo solo pronto per raccattare i pezzi quando farà l’errore di troppo." ti dice sussurrante.

Bew: “ma cosa intendi dire?” fissandolo sempre più seria “errore di troppo? riattaccare i pezzi? non ti seguo jonsy”

Master Chu: Jonas " Andare da solo in casa senza aiuto ad appiccare un incendio? E’ stato un suicidio per un vampiro. CAcciare in quel modo ed esporti?Un altro. PRima o poi ti farà del male, anche senza volerlo. E io dovrò raccatare i tuoi pezzi, del tuo cuore."

Bew: rolling 10d10>8!

(
10

+
2

+
10

+
6

+
9

+
5

+
9

+
10

+
3

+
5

+
4

+
7

+
7

)

= 5 Successes
rolling 1d10>8!

(
3

)

= 0 Successes
“in quella casa è andato per difendere me….e la caccia è un problema che stiamo incontrando entrambi e che dovremo risolvere a breve riuscendo a procurarci del cibo da mangiare e tenere in casa, ma non la vedo così tragica” sorridendo nuovamente e allungando una mano poggiandola sulle sue “il mio cuore, o ciò che ne resta è al sicuro, Elia è stato il mio miglior investimento, e di questo dovresti esserne lieto, anche se da quando è arrivato lui molte cose sono cambiate fra noi, però…. davvero non c’è motivo che tu sia preoccupato o che gli serbi rancore” una pausa “ti fidi di me? o pensi che io non sia più capace di scegliere fior da fiore?”

Master Chu: Jonas :" Su ogni argomento. Tranne Elia. Ed è normale. Anche io perdo la testa per te, sopra ogni altra cosa. E’ questo non cambia…"

Bew: stringe un po’ la presa sulle sue mani osservandolo più seria “Se tu vai via mi darai un grande dolore, lo sai?” ritraendo poi la mano “Ma se pensi che ti sia utile o che così non puoi più vivere, non hai che da dirmelo… dal canto mio quello che posso dirti è che gli parlerò, e gli spiegherò le tue preoccupazioni, sono certa che non se ne avrà a male” un lungo silenzio prima di riprendere “Jonas… Elia non mi farebbe mai del male volontariamente… e tu?”

Master Chu: Jonas si volta " Che tu parli o meno ad Elia è perfettamente identico per me. Servirà solo ad accelerare gli eventi. A me sta benissmo.
Forse di fronte al suo lato più violento su di me, troverai una verità più grande del sangue. Io non voglio farti del male. Ma salvarti. Anche a costo di fare del male a ME."

Bew: scuote il capo “se cominci così non si va da nessuna parte… sai bene che se istigato Elia reagisce, ma questa non può essere una prova di forza, non fra te e lui per me poi.” la voce s’è fatta più sicura “non puoi volutamente mettermi o metterti in pericolo per dimostrarmi che avevi ragione, Elia non è irragionevole, e se l’obiettivo è trovare delle condizioni di vita migliori per tutti, allora è a quello che si deve mirare, se invece cerchi altro…”

Master Chu: " Te ne sei accorta? Semplicemente parlare con lui, ti sembra un modo per aizzarlo e un modo per me di farmi del male. " scuote il capo. " Io sono dalla tua parte, sino alla morte. Se mi succederà qualcosa, sarò per sempre nel tuo cuore, e questa sarà la mia consolazione. Ricordati: tu sei legata ad Elia dal sangue, ma non da me. Quello che provi per me, è totalmente autentico. E questa è la mia vittoria schiacciante su di lui." dice orgoglioso.

Bew: “Mi sono accorta di cosa? che vuoi provare a provocarlo per dimostrarmi che lui è pericoloso?”
“Jonas, noi siamo belve… se metti una mano nel recinto del leone potrebbe ignorarti, ma se gli tiri la coda, perdi la mano…Io sono legata ad Elia ma il mio legame con lui è venuto per mia libera scelta, io l’ho scelto, e anche ciò che provo per lui è autentico, Ora per favore, fammi capire cosa vuoi ottenere… altrimenti dovrò pensare che le tue parole siano dettate semplicemente da emozioni violente”

Master Chu: Jonas sorride divertito.
" Non voglio provocarlo. Farà tutto da solo. E’ inevitabile, la tua bestialità è seducente e fascinosa, la sua violenta e ottusa. Mi ricordo di come ti picchiava…. tu ti sei sottomessa a lui , ed è colpa MIA. Avrei dovuto proteggerti , ma ho esitato troppo. Vuoi sapere se mi sono messo da parte per lui? No. Ho aspettato…e non ho visto che un tuo indebolirti progressivo. Meriti di meglio. Non me, ma qualcuno che sia più nobile." dice sprezzante.
Noti che non ha più paura di farsi sentire da Elia.

Bew: “Mi ha messo le mani addosso una volta sola…e non c’era nulla da cui difendermi, non sai come sono andate le cose” anche il tono di voce di lei sembra più distante “tu mi hai protetta per tanti anni, e se vuoi continuare a farlo ancora nessuno ha toccato il tuo posto, semplicemente devi capire che non devi difendermi da lui perchè non mi farebbe mai volontariamente del male, e io… non mi sono indebolita, ho solo modificato alcune cose perchè reputavo fosse più giusto così…” una pausa ancora “in sostanza cosa conti di fare? spiegami bene”

Master Chu: Jonas fa spallucce " Continuare a servirti. E servire lui finchè serve te. E in ogni caso, mi tengo pronto per quando perderà la testa…" sorride amaro

Bew: il tono della voce torna morbido “Jonas, tu sei il mio più vecchio e caro amico, l’unico che mi ha conosciuta da umana, l’unico dei miei ghoul che ho portato via con me da Barcellona… questo per me ha un peso, e davvero… se non te la senti più di vivere così… sentiti libero di andartene, mi dispiacerà immensamente, ma non intendo procurarti dolore… in quanto poi alla possibilità che Elia perda la testa… non me ne preoccuperei se fossi in te… da quando ho smesso d’infilarmi nel tuo letto, non sei più un problema per lui”

Master Chu: Jonas " Non posso andarmene….non voglio." guarda in giù.

Bew: “e sinceramente nemmeno io voglio che tu te ne vada, ma non voglio che rimani qui con malanimo… o in attesa di una catastrofe….”

Master Chu: Jonas annuisce " E’ un impasse. Non possiamo separarci, ma accettarci come siamo. Ma tu, tu puoi cambiare tutto , nel momento in cui m volessi fuori dalla tua vita." dice teso.

Bew: “No… non è un’opzione contemplata per me” fissandolo seria “e comunque tu hai la possibilità di cambiare ciò che non ti piace, assumendoti ovviamente le conseguenze delle tue azioni, come tutti del resto”

Master Chu: Jonas sembra rinfrancato. " Bene. Tu ti preoccupi per me, e io mi preoccupo per te. E ’ cosi che dovrebbe funzionare, no?" ti fa un lungo sorriso. Erano altri tempi, e altri luoghi con meno vestiti, quelli in cui ti faceva questo sorriso. Ma dura poco.

Bew: “Tutti qui ci preoccupiamo per me” risponde cinica con uno sbuffo scuotendo poi il capo e fissandone il sorriso con una punta di nostalgia visibile

Elia : rolling 1d10>8!

(
10

+
5

)

= 1 Successes
la notte stessa appena la giapponese è indaffarata di là con le sue cose a vestirsi o disegnare con le sue cose,il randagio si va a sedere non molto distante da Jonas e carezza il suo fido perro.“eri particolarmente felice per averla sfamata,forse pure troppo…ma a parte questo,c’è dell’altro che vorresti dirmi?”il tono non così aspro rispetto al solito del burbero omone,sempre duro ma non così sgorbutico.

Bew: la giapponese è nella stanza attigua, impegnata a disegnare sul suo diario, ma non appena sente la voce di Elia, convinta che stia parlando con lei si ferma e ascolta… e continua a farlo anche quando capisce che NON sta parlando con lei

Master Chu: Fa un sorriso obliquo.
" Niente di speciale, cose che sai già. Non mi piace il modo in cu ti comporti. Nè verso di me, nè verso Bew. Non hai interesse per i suoi rimorsi e paure." dice guardando con disinteresse in sua direzione.

Jonas: Fa un sorriso obliquo.
" Niente di speciale, cose che sai già. Non mi piace il modo in cu ti comporti. Nè verso di me, nè verso Bew. Non hai interesse per i suoi rimorsi e paure." dice guardando con disinteresse in sua direzione.

Elia : “verso di lei non le faccia mancare niente,o almeno ci provo con tutto me stesso e con il mio bel carattere come tu dici.”scrollando le spalle come uno scimmione.“ma tengo a anche ai suoi rimorsi e paure come tu non puoi comprendere,di te per inciso non me frega nulla ma hai fatto voto di proteggerla e non di danneggiarla per cui…”si gratta il mascellone con un smorfione e si trattiene sbuffando come un trombone"ti dico semplicemente basta,va bene?"fissandolo seriamente.

Jonas: " Saranno i fatti a parlare, sono pienamente d’accordo." detto questo alza le spalle

Elia : uno sbuffo dell’omone restando a osservarlo qualche altro istante.“lo spero che tu sia veramente d’accordo,ma dici tu del resto…vedremo.”poi dando un ultima carezza a Perro si alza andando di là nella stanza da Bew,entrando con un borbottare curioso.“che disegni?”

Bew: gli occhi erano già puntati sulla porta e quando Elia appare lei l’osserva scuotendo il capo e domandandogli in giapponese “tutto qui? pensi che vi siete davvero chiariti? non hai capito che parlavate di due cose diverse?”

Elia : scuote il capo sollevando le spalle,prendendo a parlare in giapponese.“quanto basta,gli ho detto per chiarire la base,poi sta a lui avere anche un po’ di buon senso…o secondo te che altro gli dovevo dire?”inclinando il grugno a guardarla stranito"di certo non una stretta di mano visto che non mi fido di lui a maggior ragione lo sai perché…"

Bew: sospira e scivola giù dallo sgabello posando il blocco sul tavolo e richiudendo poi meglio la vestaglietta mentre si avvia nell’altra stanza alla ricerca di Jonas

Master Chu: Jonas ha la porta chiusa, nella sua stanza.

Bew: bussa un paio di volte alla porta del ghoul restando poi in attesa mentre chiede “Jonas? è permesso?”

Jonas: Dopo mezzo minuto risponde.
" Avanti, mi stavo finendo di cambiare. Sono vestito ora." dice a voce leggermente più alta.

Elia : l’omone resta stranito alla reazione di Bew che va via,osservandola per dove va con una smorfia sbuffando.“bah…prego non c’è di che”scuote il capo e resta nell’altra stanza andando a controllare l’album da disegno,lo sfoglia alle ultime pagine

Bew: apre la porta facendo capolino nella stanza dell’uomo sorridendo “tutto bene?” osservandolo restando materialmente in corridoio.
Il disegno al quale bew stava lavorando era un mazzo di crisantemi caduto sul terreno, scomposto, con diversi fiori spezzati e petali sparsi.

Jonas: " Tutto bene, sto per mettere mano alla lavatrice. Ho diverse cose da tenere pronte per domani mattina. " risponde neutro.

Bew: rolling 10d10>8!

(
10

+
4

+
2

+
2

+
1

+
8

+
3

+
10

+
1

+
5

+
1

+
2

)

= 3 Successes
rolling 1d10>8!

(
8

)

= 1 Successes
la giapponese l’osserva per qualche istante, quindi annuisce “cosa devi fare domani mattina?” domanda incuriosita

Master Chu: Bew usa i poteri di Auspex per carpire i segreti dietro la mente del ghoul.
Carpisce diverse cose, il fatto che non voglia andarsene, e che non sia un pericolo per lei, ma potenzialmente in modo indiretto per Elia.
E’ leggermente sia eccitato che spaventato.

Jonas: " Devo fare la spesa per me e per salvare le apparenze. Inoltre alcuni medicinali comuni, e il pieno alla macchina. Cercherò di allontanarmi a più riprese, in modo da non lasciarvi totalmente soli a lungo. Devo vedere se qualche supermercato fa la consegna a domicio, qui." spiega.

Bew: sorride divertita a quelle parole “Grazie Jonas…come ci vizi tu… sarebbe difficile trovarne un’altro come te… allora ti lascio alle tue cose, ah… spero che con Elia vi siate chiariti e che ora tu sia più sereno” osservandolo

Jonas: Sorride più caldo.
" Andrà tutto bene, ne sono certo." abbozza un sorriso e ti annuisce.

Bew: annuisce a sua volta e dopo un cenno di saluto con la mano richiude la porta e torna nella stanza dove si trova Elia grattandosi distrattamente il naso e parlottando serenamente in giapponese "Sembra che al momento non ci siano pericoli immediati comunque… però,,, "sospira “non so più che pensare”
rolling 7d10>8!

(
1

+
3

+
3

+
9

+
9

+
9

+
5

)

= 3 Successes

Master Chu: Dopo un pò di riflessione, Bew nota che ci sono alcuni elementi diversi rispetto al solito in Jonas.
Sembra più sicuro di sè, determinato che mai, una vitalità rinnovata che mancava da quando erano più intimi. Qualcosa lo ha energizzato, galvanizzato. E’ sia teso che contento per qualcosa.

Elia : il randagio è rimasto nella loro stanza a sfogliare i disegni di Bew con attenzione specie l’ultimo,appena lei torna con grugno mesto le parla in giapponese.“avresti dovuto educarlo meglio…ma visto che sembra lui il tuo pensiero primario che ti assilla,che vuoi che ti dica?”

Bew: incrocia le braccia sotto il seno e riprende a parlare in giapponese con tono più piccato "dici davvero che è lui il mio pensiero primario? sei un acuto osservatore… sebbene tu stia completamente sbagliando, pensa un po’ il mio interesse primario come sempre sei tu, e quello che potrebbe farti durante le ore diurne… sei ancora convinto che io sia preoccupata per lui e non per te e per noi? dimmelo… "

Elia : un mugugno dell’omone grattandosi la testa,uno sbuffo facendo un lieve diniego e parlando sempre in giapponese.“ti avevo suggerito non fosse saggio che lui sapesse dove stavamo,in queste ultime notti è fin troppo strano…no non sono convinto che sei più preoccupata per lui,ma a questo punto davvero che vuoi più che ti dica?”allargando le braccia.“glie l’ho pure detto basta,non è il mio ghoul o il mio servo che mi darà retta o gli farà digerire meglio il mio carattere.”

Bew: “quindi secondo te cosa dovrei fare? andare di la e dirgli di andarsene? oppure maltrattarlo anche io dicendogli in malo modo che non deve nemmeno pensare a nuocerti? perch’è questo che pensa… un modo per nuocerti indirettamente …” sempre in giapponese tornando a sedersi sul suo sgabello “non può continuare così ….” giocherellando nervosa con i pennelli sul tavolo “sono quasi tentata di andarmene io e lasciarvi a risolvere i vostri problemi testosteronici da soli”

Elia : un mugugno riflessivo e alzandosi si dirige al suo sgabello con musone storto.“sapevo non gli stessi simpatico,ma che volesse addirittura nuocermi sotto sotto…un bel finocchietto”le poggia le mani sulle spalle da dietro.“il tuo bel finocchietto mio candore,non ho problema con lui al contrario suo che cova di danneggiarmi…quindi davvero che dovrei fare?aspettare che mi avveleni Perro o al primo momento propizio che non ci sei tu di giorno mi fa la festa?”sbuffa"dimmi come dovrei adeguarmi al tuo ghoul che sta pianificando contro di me…dimmi come lo dovrei prendere?"la fissa seriamente.

Bew: china il capo massaggiandosi gli occhi quindi emette un lungo sospiro “Elia, io posso anche chiamarlo di qua urlargli contro e sbatterlo fuori, ma poi anche noi dovremmo lasciare questa casa e lui sarebbe da considerare un nemico, e sai quale sarebbe la conseguenza di tutto questo” girandosi a guardarlo da sopra la spalla “oppure lo chiamo di qua e… e cosa? lo imploro di non farti male?” fissandolo seria “io vie d’uscita non ne vedo poi molte… a meno che… tu non passi i giorni fuori da qui, dormendo nella terra, mentre io provo a sistemare questa situazione…ma sappi che questa cosa mi pesa tantissimo… non hai idea di quanto, sono davvero tentata di mandarlo via”

Elia : le manone risalgono dalle spalle a prenderle il viso,scostandole qualche ciocca mentre la ascolta.“non ci sono molte alternative ma francamente Biu non lascerò che vegli su di me o ciò che mi è più caro nello stato in cui si trova farebbe solo danni…”storce il grugno.“abbiamo appena trovato questa casa e già non mi fido a starci per causa sua…per cui stavo pensando a trovarci un altro posto,magari in campagna dove stiamo cacciando ultimamente mentre tu risolvi con Jonas se proprio ci tieni a tenerlo…”stringe le spalle sospirando cavernoso"non volevo ci fosse un tale peso sulle tue spalle non era mia intenzione…"

Bew: malleabile come creta si lascia muovere dalle mani dell’uomo socchiudendo gli occhi “farò ciò che va fatto” girandosi completamente ad osservarlo fissandolo negli occhi “non ci sono vie d’uscita…” aggiunge mentre una lacrima di rosso carminio le scivola giù lungo una guancia “Quando te lo chiederò esci da questa casa e basta, non farmi domande…. Va bene?”

Elia : scuote il capo l’omone a musone storto,vedendo la sua lacrima glie l’asciuga con l’indice.“non è questa la risposta che vuoi Bew,lo sappiamo entrambi…pensaci bene.”la fissa seriamente"non lo vuoi veramente"

Bew: “è ovvio che non lo voglio, ma devo scegliere no? devo fare qualcosa… non posso aspettare che ti metta le mani addosso mentre sei più vulnerabile, o che ci logori con questa tensione… cosa dovrei fare secondo te?? nulla?

Elia : scuote piano il capo con un grugnito.“starò per un po’ in campagna se vuoi provargli a fare cambiare idea,invece di questa soluzione drastica…”stringe le spalle.“è già qualcosa,anche se non se lo meriterebbe.”un broncio storto sbuffando.“ma te lo meriti tu…”dandole un’altra carezza.“non puoi farti questo.”

Master Chu: rolling 6d10>8!

(
3

+
9

+
7

+
3

+
3

+
1

)

= 1 Successes

Bew: schiocca la lingua contro il palato “ti rendi conto che non funziona?”fissandolo e parlandogli praticamente all’orecchio come se anche quel gesto le costasse fatica “lui ha pensato una cosa che non avrebbe dovuto nemmeno lontanamente immaginare, e per tutta risposta, ottiene il premio che t esci di casa, liberandosi così di te… Elia… non funziona così, fargli riassaporare la vita a due, io e lui e poi? quando proverà a infilarsi nel mio letto, nel nostro letto, cosa dovrei dirgli? sì? per paura.. per non contrariarlo?”

Master Chu: Elia per primo sente un rumore secco provenire dalla cucina.
Dopo poco, entrambi sentano forte l’odore di sangue.
Il cane abbaia e uggiola.

Elia : “non oserà infilarsi da nessuna parte se ci tiene alle pelle…e se proprio non capisce allora.”si interrompe sentendo i rumori,il naso freme e si avvia rapidamente in cucina di corsa.“ma cosa diavolo…Perro!”

Bew: la giapponese sgrana gli occhi e scesa dallo sgabello va a recuperare la sua pistola che nasconde sotto la vestaglia avviandosi poi di corsa verso la cucina dietro Elia “Jonas!!!” strilla mentre corre

Master Chu: Perro sta leccando il volto abbassato di Jonas, disteso per terra.
Due coltelli infilati al cuore, in mano, stretta nel pugno esangue, un foglio di carta.

Bew: gli occhi fuori dalle orbite mentre si accuccia vicino al cadavere, in una zona sgombra di carne poggiando le mani sul collo del ghoul alla ricerca di un battito vitale “Jonas! no, no,… no…. Jonas!!!” lo chiama in continuazione allontanando da lui Perro con una mano

Elia : sgrana gli occhi alla scena,avvicinandosi rapidamente richiama il suo cane.“Perro qui.”osserva Jonas e le sue condizioni,prendendo il foglietto che stringe per leggerlo.

Bew: *sgombera di sangue

Master Chu: Il foglio è la sua lettera d’addio " Non posso più fare finta di niente… io… amo quell’uomo, e saperlo tuo non mi darà mai pace. Non posso più fingere…perdonami Elia, mio unico vero amore. Senza te non c’è…vita."

rolling 9d10>8!

(
4

+
10

+
1

+
9

+
1

+
7

+
10

+
5

+
3

+
4

+
2

)

= 3 Successes

Bew N.: ancora accucciata vicino al corpo di Jonas, dopo aver letto il suo biglietto “Non so che fare, avrei mille cose da chiedergli e lui è morto, s’è ucciso, e non riesco a credere che sia perch’è innamorato di te, lo rivorrei ancora al mio fianco, ma ho timore ad abbracciarlo perchè se tutto ricomincerebbe da capo, con l’aggravante che lui avrebbe con me lo stesso tipo di legame che hai tu, so razionalmente quale sarebbe la cosa da fare, mettere un punto a tutta questa vicenda, ma non riesco ad accettare che questa fosse l’unica soluzione possibile, ma daltro canto, se lo abbracciassi? altro dolore per tutti, e poi tu, cosa penseresti di me?”

Elia : “quindi stai valutando di riaverlo al tuo fianco perché ti servono risposte,non accetti…allora fallo.”risponde il randagio con un viso di pietra e un tono smorto osservando il corpo di Jonas con grugno di pietra.

Bew: uno sguardo ancora al cadavere riverso sul pavimento e uno al randagio, assumendo poi un’espressione neutra “fa di lui ciò che vuoi, non m’importa” risponde rapida allontanandosi dal corpo di jonas e da Elia

Elia : ancora davanti il corpo di Jonas,lo osserva lungamente pensieroso e scuote il capo.“se vuoi risposte e reclamarlo,è un tuo diritto.non mio…”guardandola allontanarsi si rabbuia maggiormente

Bew: la giapponese s’infila nella stanza da letto in completo silenzio, e poco dopo sono diversi i rumori che giungono alle orecchie del randagio, armadi che vengono aperti, cose prese e spostate, ma nessun suono dalla bocca della donna

Elia : l’omone non tocca il cadavere e va di là a controllare cosa combina la giapponese incuriosito dai rumori"…che stai facendo?"

Bew: gli armadi sono tutti aperti, sul letto una valigia e diversi vestiti ammonticchiati qui e la “I bagagli” risponde piano girandosi ad osservarlo per qualche istante

Elia : un mugugno restando a osservare lei e le sue valige per qualche istante in silenzio scuro in grugno.“…perché?”

Bew: continua a piegare cose e ficcarle nella valigia “come perchè …Elia… c’è un cadavere in cucina, arriverà la polizia, ci saranno indagini, non possiamo farci trovare qui…” bloccandosi con un vestito in mano

Elia : “non arriverà la polizia a meno che non la chiamiamo noi…sbarazzarci del corpo non sarebbe un problema così grosso.”restando a guardarla.“c’è da considerare invece se lo vuoi tenere come prole…e non sia meglio per te,quello che vuoi….o sbaglio?”

Bew: si passa una mano stanca sul viso riprendendo a ficcare roba alla rinfusa nella borsa “come vorresti sbarazzartene? non abbiamo nemmeno la macchina per portarlo fuori di qui, vuoi farlo mangiare a Perro?” scuote il capo “No, non voglio tenerlo, non voglio altri problemi con te, e lui sarebbe un problema… lo sappiamo” mugugna mesta

Elia : “se sono io un problema levo le tende…visto che lui c’era pure prima di me e per te significa molto,forse ha ragione e stai facendo davvero troppi sacrifici per me.”si gratta la testa come uno scimmione,sospirando.

Bew: “Elia… ti prego, non complicare le cose…” osservandolo ancora una volta “io non voglio che tu vada e tu… tu non puoi realmente volertene andare, vero?”

Elia : un mugugno facendo una negativa del capo.“io non voglio andarmene,ma se è meglio per te…”abbassa lo sguardo.“beh tu avresti Jonas che c’è sempre stato per te anche da prima,non si è mica ucciso per me,o almeno non come ha scritto…lo trovo fin troppo assurdo.” scuotendo la testa.

Bew: sospira “allora la questione è risolta, tu non vai via, io non vado via, noi restiamo insieme e Jonas resta morto” annuendo e poggiando sul letto l’ennesimo vestito facendo poi qualche passo verso il randagio “toccherà prendere precauzioni perchè non si svegli… e poi… liberarsi del corpo” aggiunga più seria fermandosi a qualche passo da lui

Elia : risolleva lo sguardo al suo avvicinarsi osservandola attentamente,un lieve annuire.“nessuna questione…ma apprezzo oltre modo.”squadrandola un sorriso di sbieco più tiepido sul grugno avvicinadosi,annuendo ancora.“si..serverirà un po’ di occorrente per non fare un macello.”un mugugno.“…ma per quanto Jonas fosse un debole e un deviato,era utile nelle sue mansioni domestiche.specie di giorno.”una mezza smorfia del grugno.“toccherà trovare un nuovo maggiordomo…idee?”

Bew: “avrei gradito che me lo dicessi prima, e non che mi lasciassi a decidere da sola, è stato davvero crudele” inclinando il capo verso la spalla sinistra per poi annuire “puoi occupartene tu? dell’occorrente intendo e anche di…” le labbra si serrano in una smorfia per poi scuotere il capo “lascia …farò io, in fin dei conti prima che lui si uccidesse ero già pronta ad ucciderlo” un sospiro appena percettibile “troveremo altro, solo ti chiedo, lasciamo questa casa… non mi piace, non penso riuscirò mai a viverci bene”

Elia : “non c’era niente da dire,come la decisione spetta solo a te non volevo essere crudele…ma giusto”stringendo le spalle,allunga piano la manona a carezzarle il viso.“ce ne occupiamo insieme ok?dell’occorrente,di tutto…anche di lasciare queste casa.”un lieve annuire.“troveremo un’altra sistemazione più appropriata.”

Bew: strofina il viso contro la manona dell’uomo senza smettere di osservarlo “ha detto che non si fidava più di me, che ero troppo corrotta dal legame con te e che non ero lucida” aggiunge in più riprese con un broncio sempre più presente sulle labbra “perchè s’è ucciso ?” mentre afferra con la propria mano quella di lui

Elia : le continua a carezzare il viso delicatamente e poi le stringe anche la mano,scuotendo il capo.“lui era un corrotto…non sopportava la sua condizione di inferiorità e ha deciso di darci un taglio drastico.”un musone storto con lieve sbuffo.“io sarò di parte ma lui non ti meritava.”

Bew: sospira proseguendo a stringerli la mano prima di avvicinarglisi alla ricerca di un abbraccio “lui….sono stata io a ridurlo così….”mormora socchiudendo gli occhi e tirando su col naso più per abitudine che per necessità "una casa in campagna… un allevatore da prendere sotto la nostra ala protettrice, stabilendoci magari in casa sua, che ne pensi? "

Elia : “è stato lui a ridursi così,la sua posizione era privilegiata e l’ha buttata via come ha abbandonato te…non è colpa tua.”stringendola a se rassicurante,le annuisce.“penso sia proprio un’ottima sistemazione.”con un sorriso sbilenco sul volto del randagio.

Bew: lentamente gli strofina il naso contro il collo, come farebbe con ogni probabilità un gatto in cerca di coccole “non parliamone più… non è più importante e nulla di ciò che dirai mi aiuterà a capirci qualcosa di più, non appena avrò la lucidità mentale farò un giro nella sua stanza per vedere…e poi bhe, il resto l’abbiamo già deciso, tranne ciò che ce ne faremo del corpo e come faremo a portarlo via da qui e soprattutto… dove”

Elia : le carezza il capo scostandole dei capelli,tenendosela cullata tra le braccia.“non preoccuparti del trasporto e di tutto come hai detto non parliamone più me ne occupo poi io…ora hai bisogno di rilassarti e ritrovare un po’ di pace.”le strofina il grugno sulla fronte e la annusa con un mugugno soffuso.“hai bisogno di me,di un bagno,di un massaggio e rinfrescare i tuoi pensieri poi ci occuperemo di tutto con calma e senza altre preoccupazioni…ok?”la fissa scostandole una ciocca di capelli dal volto.

Bew: a sua volta ricambia l’abbraccio annuendo e mormorando un “grazie” prima di poggiargli un casto bacio sulla guancia “di te, ho bisogno sempre, e di un bagno con te anche, per il massaggio, potrei soprassedere, ma dato che ti offri… i miei pensieri si prenderanno una bella pausa grazie a te”
rolling 5d10>8!

(
1

+
5

+
5

+
1

+
4

)

= 0 Successes
la notte dopo la giapponese si sveglia, si alza e tira fuori dall’armadio il necessario per impacchettare Jonas, una coperta morbida per camuffarne le forme e assorbire l’eventuale sangue, e un lenzuolo, quindi si reca in cucina dove, prende a controllare le tasche del cadavere per far sì che non vi siano indizi, nel mentre aspetta che si svegli anche il randagio per procedere col piano

Elia : il randagio ultimando i preparativi di impacchettare il tappeto e controllarlo,poi se lo carica in spalla e prosegue a prendersi altri bagagli prima di uscire di casa con Bew.“si va…”andando per strada con lei,proseguendo presso la macchina.
rolling 7d10>8!

(
10

+
7

+
6

+
9

+
3

+
7

+
9

+
3

)

= 3 Successes

Master Uata: È l’una di notte. Bew e Elia salgono in macchina mettendoci dentro tutto il “carico interessante”. Elia prima di partire si assicura che non ci sia troppo traffico in giro ed evita senza problemi le strade troppo trafficate, muovendosi solo nelle stradine di Liverpool, dirigendosi verso la campagna.

Bew: la giapponese stranamente seduta al posto del passeggero sul sedile anteriore guarda fuori dal finestrino con aria pensierosa, solo di quando in quando si gira a guardare Elia sorridendogli docile

Elia : proseguendo in macchina a bagaglio scomodo e tutto caricato,partono;il fido perro con loro sta accucciato dietro mansueto.“è l’una di notte e fin’ora tutto va bene”borbotta il randagio.
rolling 7d10>8!

(
5

+
9

+
1

+
3

+
2

+
2

+
1

)

= 1 Successes

Master Uata: Elia guida circospetto. A un certo punto si accorge del riverbero blu della luce lampeggiante di una volante della polizia e preferisce sostare in un vicolo a fanali spenti per aspettare che la polizia si allontani. Sembra che non abbiano attirato l’attenzione di nessuno. Sono le due di notte.

Bew: un sorriso obliquo " hai visto roobin hood di recente?" scuotendo il capo e tornando ad osservare la strada quando Elia si rimette in moto

Elia : rimette in moto piano rispettando i limiti,ripartendo per la campagna.“no questo sa più di guardia e ladri…ma se ci fermano tanto ci sei tu.”un sorriso sghembo.
rolling 7d10>8!

(
9

+
9

+
4

+
1

+
2

+
6

+
6

)

= 2 Successes

Master Uata: Sono ormai le due e mezza di notte quando Bew e Elia arrancano per le campagne attorno a Liverpool alla ricerca di un campo abbastanza lontano da centri o cascine abitate. Dopo un lungo girovagare trovano un campo abbandonato e non coltivato che sembra perfetto.

Bew: "se ci fermano ci sono io … come se fossi la chiave per aprire qualsiasi porta " guardandosi intorno “hai preso le vanghe vero?… ci servirà anche della legna, i cadaveri non bruciano facilmente…”

Elia : annuisce proseguendo per i campi,scaricando il tappeto trovato il punto necessario..“ho preso tutto il necessario non preoccuparti,ma facciamo presto.”guardandosi intorno un momento prima di proseguire con il lavoro.
rolling 7d10>8!

(
5

+
3

+
7

+
3

+
9

+
6

+
1

)

= 1 Successes

Master Uata: I due fermano la macchina: è il momento decisivo. Devono essere sicuri che nessuno sia nei paraggi prima di scaricare il “tappeto”. Dopo mezz’ora, alle 3 di notte, è abbastanza tardi per sperare che non ci sia nessuno, e iniziano a scaricare il corpo

Bew: lei si guarda intorno annuendo al randagio alla ricerca del posto più opportuno, continuando poi a guardarsi intorno mentre il randagio si appresta all’opera
rolling 6d10>8!

(
5

+
6

+
5

+
2

+
2

+
5

)

= 0 Successes
rolling 9d10>8!

(
10

+
7

+
2

+
3

+
8

+
3

+
9

+
5

+
8

+
7

)

= 4 Successes
rolling 3d10>8!

(
1

+
10

+
3

+
8

)

= 2 Successes

Elia : rolling 9d10>8!

(
1

+
9

+
7

+
1

+
2

+
3

+
2

+
6

+
8

)

= 2 Successes

Master Uata: Con Bew a fare il palo, Elia non fa fatica a trasportare il cadavere essendo sicuro di non essere sotto sguardi indiscreti. Dopo aver depositato il cadavere lo cosparge accuratamente di benzina e con un fiammifero dà fuoco al cadavere nel tappeto, all’interno del campo abbandonato, pieno di erbacce.

Elia : dopo il “funerale” di Jonas nel tappetto,resta un attimo a osservare che brucia e poi si guarda intorno nel campo stringendo a se Bew.“ci conviene toglierci subito da qui,andiamo”facendole cenno di proseguire e tornare alla macchina.

Bew: “dici? e se il fuoco si spegnesse o non lo bruciasse del tutto??? O se si propagasse dando fuoco alla campagna? forse dovremmo informare i pompieri, non trovi? una chiamata anonima” mentre già si dirige verso l’auto dopo una fugace e triste sguardo in direzione della pira

Elia : “possiamo aspettare un po’ e vedere come piglia…anche se non dovrebbe propagarsi,la buca l’ho scavata bene.”borbotta il randagio di ritorno alla macchina,spolverandosi dalla terra e tutto,poi voltandosi con lo sguardo per vedere come procede il fuoco.
rolling 6d10>8!

(
8

+
8

+
3

+
5

+
1

+
10

+
2

)

= 3 Successes

Bew: Annuisce osservando ora il randagio ora il fuoco dal quale rimane a debita distanza “spostiamoci un po’ con la macchina, non farà male come precauzione…” mormora mesta sospirando per poi tornare a guardare il randagio “grazie… senza di te non avrei saputo come fare”

Elia : annuisce un lieve assenso.“si spostiamoci con l’auto ci mettiamo più in là appartati come piccioncini.”un sorriso sghembo,poi facendo un diniego.“sono io che ti devo dire grazie.”

Master Uata: Aspettando le 4 di notte, i due sono sicuri che il falò si spegne senza problemi, lasciando resti carbonizzati e irriconoscibili del cadavere

Bew: “Vuoi ringraziarmi per non aver saputo governare il mio ghoul e averti fatto provare il brivido di dar fuoco ad un cadavere” scuote il capo allacciandosi la cintura e sospirando “torniamo a casa, credo sia ormai giunto il momento” sorridendogli

Elia : “no,non grazie per questo…”scrollando le spalle come uno scimmione,resta a guardare il fuoco in lontananza e poi accendendo il motore.“l’ora è anche fatta dopo questo funerale,possiamo anche tornarcene a casa e cominciare le ricerche per la nuova sistemazione…”

Bew: " E allora grazie per cosa?" fissandolo seria ignorando ora del tutto il fumo che sale dalla fossa in cui si trovano i resti di Jonas

Elia : “per non aver ripensato alla tua scelta…”un mugugno mentre si guarda la fede nuziale alla manona,proseguendo a guidare.

Bew: “quella non è ripensabile…”allungando una mano a stringergli una gamba “tu e io sì? il demone e la bambina” ampliando il sorriso

Elia : il sorriso si fa più largo sul grugno dell’omone,annuendo.“esatto mia bimba,io e te,il resto non è nient’altro che favola.”

Comments

Uata Uata

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.